Migrazioni della forma

Un racconto per immagini sospeso fra fotografia e teatro


Claudio Angelini, ideatore e regista del progetto Pharmakos, racconta una storia fatta di corpi ed immagini. La parti sceniche sono “migrate” infotografie. Ora il registale propone al pubblico e le usa da tramite per sviluppare alcuni temi che gli stanno a cuore. Osservando egli stesso il suo lavoro. Ri-guardandoloattraverso l’occhio della macchina fotografica di Gianluca “Naphta” Camporesi.

Le fotografie di Pharmakos sono tratte dal libro Pharmakos, Città di Ebla + Gianluca “Naphtalina” Camporesi.
“La pubblicazione vuole essere un modo per proseguire la traccia solcata da Pharmakos, oltre e al di là della forma spettacolare, per l'indiscussa fotogenia che il progetto contiene e la sua capacità di rilanciare nuove chiavi di racconto solo attraverso le immagini. Le parti spettacolari sono state seguite da un fotografo che ha trasformato il progetto scenico attraverso il suo occhio in un progetto fotografico degno di vita autonoma e non rendicontale.”
- Silvia Mei -


Claudio Angelini è regista e direttore artistico di Città di Ebla.

Gianluca "Naphtalina" Camporesi è video editor e fotografo. I progetti che ha seguito nel corso degli anni gli hanno valso collaborazioni eccellenti, tra cui: Luciano Pavarotti, Olimpiadi Invernali Torino 2006, Ferrari.

 

migrazioni.php

  • 1